11

INFORMATIVA 38 / CI SARA' UN DOPO

posted on
INFORMATIVA 38 / CI SARA' UN DOPO

INFORMATIVA 38 / CI SARA’ UN DOPO

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO: ISTANZE DAL 15/06/2020

 

 

📣 L’art. 25 del D.L. 34/2020 (Decreto “Rilancio”) riconosce un contributo a fondo perduto a favore di soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita IVA, che hanno subito una diminuzione di fatturato a causa dell’emergenza epidemiologica COVID-19.
📢 I contribuenti interessati possono richiedere il contributo a fondo perduto mediante la presentazione ed invio di una specifica istanza all’Agenzia delle entrate a partire dal 15 giugno 2020 al 13 agosto 2020. Solo nel caso in cui il soggetto richiedente sia erede che continua l’attività per conto del soggetto deceduto, le istanze possono essere trasmesse a partire dal 25 giugno 2020 e non oltre il 24 agosto 2020. La somma sarà erogata mediante bonifico sul conto corrente intestato al richiedente.
🎯 A CHI SPETTA
Per identificare con precisione gli operatori economici beneficiari del contributo, il D.L. n. 34 del 19 maggio 2020 ha stabilito i seguenti specifici requisiti:
  • - conseguimento, nell’anno 2019, di un ammontare di ricavi o compensi non superiore a 5 milioni di euro;
  • - e almeno uno dei seguenti requisiti:
    • ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019;
    • inizio dell’attività a partire dal 1° gennaio 2019;
    • domicilio fiscale o sede operativa situati sul territorio di Comuni colpiti da eventi calamitosi (sisma, alluvione, crollo strutturale), i cui stati di emergenza erano in atto alla data del 31 gennaio 2020 (data della dichiarazione dello stato di emergenza da Coronavirus).
A CHI NON SPETTA
Il contributo a fondo perduto non spetta nei seguenti casi:
  • - soggetti la cui attività sia cessata alla data di richiesta del contributo;
  • - soggetti che hanno iniziato l’attività dopo il 30 aprile 2020, con l’eccezione delle partite IVA aperte degli eredi per la prosecuzione dell’attività dei deceduti;
  • - enti pubblici di cui all’art. 74 del TUIR;
  • - intermediari finanziari e società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del TUIR;
  • - professionisti e lavoratori dipendenti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria (cd. casse previdenziali);
  • - soggetti che hanno diritto alla percezione delle indennità previste dagli art. 27 (rubricato “Indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e collaborativa”) e 38 (rubricato “Indennità lavoratori dello spettacolo”) del D.L. 18/2020 (Decreto “Cura Italia”).
💰 LA MISURA DEL CONTRIBUTO
L’ammontare del contributo è determinato applicando una diversa percentuale alla differenza tra l’importo del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’analogo del mese di aprile 2019.
Le percentuali previste sono le seguenti:
  • - 20% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono inferiori a € 400.000;
  • - 15% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono superiori a € 400.000 ma inferiori a € 1.000.000;
  • - 10% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono superiori a € 1.000.000 ma inferiori a € 5.000.000.
‼ Il contributo è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a € 1.000 per le persone fisiche e a € 2.000 per i soggetti diversi dalle persone fisiche.
 
👉 Per i soggetti che hanno iniziato l’attività tra gennaio e aprile 2019 e per i soggetti che hanno il domicilio o la sede operativa nei Comuni colpiti da eventi calamitosi con stato di emergenza in atto alla data del 31 gennaio 2020, il calcolo del contributo è il seguente:
  • - se la differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 e quello di aprile 2019 è negativa, a tale importo (preso in valore assoluto) si applica la percentuale prevista in relazione alla soglia dei ricavi/compensi. Se il risultato è inferiore, spetta comunque l’importo minimo del contributo;
  • - se la differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 e quello di aprile 2019 è pari a zero o positiva, spetta l’importo minimo del contributo.
Per i soggetti che hanno iniziato l’attività da maggio 2019, spetta l’importo minimo del contributo.

 

📧 Per informazioni sulla consulenza e sull’assistenza da parte di un professionista specialista: innovaconsultsrl@gmail.com
Posted in: | Tags: | Comments (0) | View Count: (214)
Comment function is not open